Requisiti dei sistemi operativi OS X (PPC)

Ecco i requisiti di sistema delle varie versioni di OS X per i nostri PPC.

10.0 Cheetah : 

Computer supportati:

Power Macintosh G3 Beige
Power Mac G3 B&W
Power Mac G4
Power Mac G4 Cube
iMac G3
PowerBook G3
PowerBook G4
iBook
RAM: 128 MB (non ufficialmente 64 MB minimi)
Spazio su HD : 1.5 (800 MB per l’ installazione minima)

10.1 Puma :

Computer supportati:

Power Mac G3
Power Mac G4
Power Mac G4 Cube
iMac G3
iMac DV
eMac
PowerBook
iBook
RAM: 128 MB (non ufficialmente 64 MB minimi)
Spazio su HD : 1.5 GB

10.2 Jaguar :

Processori:

PowerPC G3
PowerPC G4
PowerPC G5 (richiede una build speciale)
RAM​: 128 MB
Almeno  1.5 GB di spazio su HD

 10.3 Panther :

PowerPC G3, G4, o G5 (almeno 233 MHz)
Built-in USB
Almeno 128 MB di RAM (256 MB consigliati,non ufficialmente 96 MB minimi)
Almeno  1.5 GB di spazio su HD

10.4 Tiger :

PowerPC G3, G4, o G5 a 300 MHz o più veloce
Porta Firewire FireWire
Almeno 256 megabytes (MB) di RAM (512MB consigliati,non ufficialmente 128 MB minimi)
Almeno 3 GB di spazio su HD  4 GB se si installano i developer tools e 2 gb per l’ installazione minima

10.5 Leopard :

PowerPC G3, G4, o G5 a 867MHz o superiore
Porta Firewire FireWire
Almeno 512 megabytes (MB) di RAM
Almeno 9 GB di spazio su HD

La modalità Classic per utilizzare OS 9 all’ interno di OS X è disponibile solo fino a 10.4 Tiger, e non è supportata su 10.5 Leopard.

10.5 Leopard è la prima versione di OS X a funzionare anche sui processori Intel e l’ ultima ad essere supportata sui nostri amati PowerPC.

Potete trovare i vecchi Mac OS X a questo indirizzo.

Dove trovare il software per i Mac on processore PowerPC?

Apple ormai ha dismesso i Mac con processore PowerPC ormai da più di dieci anni (era il “lontano 2005”), e il problema per molti utenti che ancora utilizzano questi computer, o come nel mio caso che reiniziano ad utilizzarli, è dove trovare i vecchi softwares.

Esistono alcuni siti, che mantengono un archivio di questi programmi (sia per OS 9 che per OS X), e cercheremo di aggiungerli a questa lista per facilitarvi nella vostra ricerca.

Ricordiamo che mentre alcuni software ricadono nella categoria Abbandonware e quindi sono “legalmente” utilizzabili, altri sono ancora sotto licenza, è opportuno quindi utilizzare solo i programmi dei quali si posseggono le licenze, ma per qualche motivo abbiamo perso il CD / DVD di installazione.

La famiglia PowerMac G5

  • PowerMac G5

1.6/1.8/1.8Dual/2.0Dual GHz
Presentato : Giugno, 2003
Dismesso: Giugno, 2004

  • PowerMac G5

1.8Dual/2.0Dual/2.5Dual GHz
Presentato : Giugno, 2004
Dismesso: Ottobre, 2004

  • PowerMac G5

1.8 GHz
Presentato : Ottobre, 2004
Dismesso: Aprile, 2005

  • PowerMac G5

2.0Dual / 2.3Dual / 2.7Dual GHz
Presentato : Aprile, 2005
Dismesso: Ottobre, 2005

  • PowerMac G5

2.0 Dual / 2.3Dual / 2×2.5Dual GHz (Dual Core)
Presentato : Ottobre, 2005
Dismesso: Agosto, 2006

Velocizzare Leopard su G4

Avete installato Leopard sul vostro G4 ma arranca? Eccovi alcuni suggerimenti per velocizzarlo, aprite il Terminale (dentro la cartella Applicazioni > Utility ) e incollate i seguenti comandi:

  • Disabilitare Spotlight

Questo passaggio non è consigliabile se utilizzate un backup Time Machine! (copiate ogni riga singolarmente)
sudo launchctl unload -w
/System/Library/LaunchDaemons/com.apple.metadata.mds.plist
sudo launchctl unload -w /System/Library/LaunchAgents/com.apple.Spotlight.plist

Per riabilitare Spotlight digitate invece:

(copiate ogni riga singolarmente)
sudo launchctl load -w /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.metadata.mds.plist
sudo launchctl load -w /System/Library/LaunchAgents/com.apple.Spotlight.plist

  • Disabilitare Dashboard

defaults write com.apple.dashboard mcx-disabled -boolean YES; killall Dock

Se invece volete riabilitare Dashboard incollalte il seguente comando

defaults write com.apple.dashboard mcx-disabled -boolean NO; killall Dock

Mentre per Spotlight dovete riavviare il Mac per vederne i cambiamenti, per quanto riguarda la Dashboard, vi basterà usare i comandi, che automaticamente chiuderanno il programma e riavvieranno il Dock.

  • Rendere “2D” il Dock

defaults write com.apple.dock no-glass -boolean YES; killall Dock

Per ripristinare

defaults write com.apple.dock no-glass -boolean NO; killall Dock

  • Disabilitare le trasparenze del menù (una riga unica)

sudo defaults write /System/Library/LaunchDaemons/com.apple.WindowServer
‘EnvironmentVariables’ -dict ‘CI_NO_BACKGROUND_IMAGE’ 1

Mentre per Spotlight e per disabilitare le trasparenze del menù  dovete riavviare il Mac per vederne i cambiamenti, per quanto riguarda la Dashboard e rendere 2D il Dock, vi basterà usare i comandi, che automaticamente chiuderanno il programma e riavvieranno il Dock.

Image2icon

Image2icon è un software che permette di creare delle icone da semplici foto, un modo semplice per personalizzare la scrivania del nostro “vecchio” nuovo Mac.

Il programma negli anni si è evoluto parecchio, le versioni per Tiger e Leopard sono molto più semplici, ma permettono comunque la creazione di icone fantastiche,  se volete condividere le vostre creazioni, mandateci le vostre icone a redazione@macabc.it!

Il programma è completamente gratuito e disponibile sia per Tiger (scarica per 10.4) che per Leopard (scarica per 10.5) ed è possibile scaricarlo semplicemente cliccando sul nome del sistema operativo sul quale volete usarlo.

La famiglia PowerMac G4

    • PowerMac G4 Sawtooth

 

  • PowerMac G4 AGP Graphic

Presentato : Settembre, 1999
Dismesso: Luglio, 2000

  • PowerMac G4 Gigabit Ethernet

Presentato : Agosto, 2000
Dismesso: Gennaio, 2001

  • PowerMac G4 PCI Graphic

Presentato : Settembre, 1999
Dismesso: Dicembre, 1999

  • Cube

Presentato : Agosto, 2000
Dismesso: Agosto, 2001

 

  • QuickSilver

Presentato : Agosto, 2001
Dismesso: Gennaio, 2002

  • QuickSilver 2002

Presentato : Gennaio, 2002
Dismesso: Luglio, 2002

 

  • MDD

Presentato : Agosto, 2002
Dismesso: Gennaio, 2003

 

Mac OS X 10.5 Leopard

L’ ultimo sistema operativo di Apple compatibile con i nostri amati PowerPC è Mac OS X 10.5 meglio noto come Leopard.

Rilasciato nell’ Ottobre (26) 2007 Leopard è la sesta versione di OS X e prende il posto di OS X 10.4 Tiger, disponibile per le macchine dotate di processori PowerPC G4 e G5 ad almeno 867 MHz (i vecchi processori G3 non sono supportati) e per le nuove macchine dotate di processori Intel. Il sistema deve avere almeno 512 MB di RAM e 9 GB di spazio su disco nell’installazione standard.

Mac OS X Leopard è il primo Mac OS installabile anche sulle macchine dotate di processore Intel x86, questo ha portato, in maniera non ufficiale, ad una diffusione di tale sistema operativo sulle macchine non Apple.

Nonostante ciò, Apple dichiara illegale la procedura d’installazione su di un comune PC di un sistema operativo Mac, anche se regolarmente acquistato, in quanto la licenza EULA ne vieta esplicitamente l’installazione sui hardware non Apple. Per questo sono state rivolte delle accuse da parte dell’azienda di Cupertino nei confronti del sito OSX86, che fornisce assistenza a coloro che sono dotati di un PC con Mac.

Nonostante l’accusa verso OSX86, secondo la legge DMCA, il sito non contiene materiale a scopo di pirateria, bensì informativo e didattico. Dal 3 novembre 2007 Apple ha dichiarato legale la virtualizzazione del suo sistema operativo, ma solo su hardware Apple e a condizione di essere in possesso di un adeguato numero di licenze.

Tra le novità di rilievo su Leopard troviamo:

Versione definitiva del programma Assistente Boot Camp

– Nuovo Dock tridimensionale
– Coverflow per la vista delle cartelle
– Quicklook per vedere i documenti dal Finder senza aprirli
– Supporto nativo per le applicazioni a 64 bit
– Time Machine il sistema di backup
– Spaces per la creazione di scrivanie virtuali

(Articolo tratto da Wikipedia)

La famiglia iBook

 

  • iBook

Presentato : Luglio, 1999
Dismesso: Febbraio, 2000

disponibile in Blueberry (blu chiaro) e Tangerine (arancio)

iBook Special Edition (processore a 366 MHz / 64 MB RAM / 6 GB HDD) disponibile in Graphite (grigio)

  • iBook (Firewire)

Presentato : Settembre, 2000
Dismesso: Gennaio, 2001

iBook (FireWire) (processore a 366 MHz / 64 MB RAM / 10 GB HDD) disponibile in Indigo (blu scuro) and Key Lime (verde), include una porta FireWire e un’uscita video.

iBook (FireWire) Special Edition (processore a 466 MHz) disponibile in Key Lime (verde) and Graphite (grigio). Include un lettore DVD-ROM.

 

  • iBook Dual USB

Presentato : Gennaio, 2001
Dismesso: Maggio, 2006

(processore 500 MHz / 64 MB RAM / 10 GB HDD) disponibile solo in bianco, Disponibili diversi lettori ottici a scelta (CD-ROM, CD-RW, DVD/CD-RW).

16 ottobre 2001 – iBook (fine 2001) (processore 600 MHz / 128 MB RAM 15-20 GB HDD) aumentato il bus fino a 100 MHz.

7 gennaio 2002 – iBook (14″) aggiunta versione con schermo da 14 pollici, ma con la stessa risoluzione della modello inferiore.

20 maggio 2002 – iBook (maggio 2002) (processore a 700 MHz / 20-30 GB HDD) aggiunta ATI Radeon Mobility nei modelli da 12″ e 14″.

5 novembre 2002 – iBook (novembre 2002) (processore a 800 MHz) nuovo prezzo, consistente riduzione dei prezzi, €200 in meno del precedente prezzo di listino.

22 aprile 2003 – iBook (inizio 2003) (processore a 900 MHz / 40 GB HDD/ 256MB of RAM) aggiornamento del processore per il modello da 14″.

23 ottobre 2003 – Il lancio dell’iBook G4 segna il definitivo abbandono del processore PowerPC G3 da parte dell’Apple e di conseguenza della possibilità di avviare la macchina col macOS (eccetto che per i Power Macintosh G4 che manterranno questa possibilità fino al 19 aprile 2004). Il nuovo iBook G4 include 256 KB L2 cache (i PowerBook montano una cache L2 grande il doppio), hanno un bus a 133 MHz e frequenze del processore fino a 800 MHz per il modello a 12″ e 1 GHz per il modello da 14″. Viene introdotto il caricamento dei CD attraverso una fessura e non come in precedenza tramite tray. Vengono apportati dei cambiamenti “cosmetici”, il colore diventa un bianco più chiaro del precedente e viene reintrodotta la tastiera traslucida. I prezzi partono da €1199.

19 aprile 2004 – Seconda revisione dell’iBook G4, le linee vengono portate ad avere il frequenza base di 1 GHz, il modello a 14″ può arrivare fino a 1,2 GHz. Gli iBook e i PowerBook condividono ora lo stesso processore ma il bus di sistema e la memoria cache sono superiori nei secondi. La massima memoria installabile viene portata a 1280 MByte e per la prima volta viene offerta la possibilità di ordinare modelli da 14″ equipaggiati di SuperDrive. Nel modello da 14″ di fascia alta l’Airport Extreme è fornita di serie.

PowerPC, non solo Mac!

Sapevate che probabilmente avete avuto in casa uno di questi processori anche senza aver mai avuto un Mac in casa?

Alcune delle principali console infatti,montavano al loro interno un processore della serie PowerPC, ma vediamo quali hanno avuto maggior successo:

Apple / Bandai

Pippin con PowerPC 603 (ho detto di successo lo so….)

Nintendo

Game Cube con ben 2 PowerPC 602

Wii con cpu Broadway

Wii U con cpu Espresso (che avessero bisogno di “svegliarsi” in casa Nintendo??)

Microsoft

XBOX 360 che monstavano  XCPU e XCGPU

Sony

PlayStation 3 con il processore Cell B.E.

Avete avuto almeno una di queste console? Benvenuti nel nostro mondo!