Test monitor Samsung

Ho testato per un mese il monitor Samsung CHG90, un mostro fa 49 pollici 32:9

Il prodotto di per se è molto valido, il 144 HZ si vedono sopratutto sui videogiochi e anche se la risoluzione è in verticale di soli 1080 pixels, risulta comunque un buon prodotto in quanto è gestibile anche da schede video meno potenti, i 1080 sono un pelo claustrofobici data la grande larghezza sopratutto nel reparto produttivo.

Purtroppo è un peccato, avevo anche pensato di tenerlo, visto che lo userei anche parecchio per il gaming, ma torneró al mio 21:9 della LG, se non altro per l`assistenza, il monitor infatti è arrivato con un difettoma nonostante lo abbia sengalato a Samsung, ancora non è stato sostituito.

Consiglierei l’acquisto solo a gamers incalliti, anche perchè a questi prezzi (quasi mille euro su Amazon) si trovano tanti monitor, che forse non avranno l`effetto wow di questo, ma qualitativamente sono allo stesso livello e forse anche a prezzi piú contenuti.

Insomma oltre all’effetto wow, a livello produttivo se non per video editing risulta limitato, forse la brutta esperienza da parte dell’assistenza (o la totale mancanza di essa) si fa sentire nel mio caso troppo, ma immaginavo che come tester avrebbero fatto di tutto per rimediare al problema, ma dopo quattro settimane sono ancora nel limbo.

Ringrazio invece The Insiders che si è data molto da fare ed è stata molto presente e attiva nella comunicazione.
#insidersmonitors #samsungCHG90!

Please follow and like us:

A.A.A. Cercasi….Wi-Fi

Scrivo questo post per chiedere informazioni sulla compatibilità di alcuni dispositivi Wi-Fi.

Mi ritrovo con il G5 senza rete (ho dovuto spostarlo lontano dal router) e avrei bisogno di un dongle usb (o scheda interna) compatibile con il G5.

Ho comprato online una chiavetta che vantava (si perchè adesso il sito dice 10.9 e superiore) il supporto PPC, ma una volta installata l’app (la versione per 10.5) si chiude inaspettatamente, immagino perchè non più mantenuta, per questo motivo chiedo a chi mi legge se conosce schede compatibili o dongle che funzionino corretttamente con Leopard.

Aiutate il mio G5 a tornare online 😉

Please follow and like us:

Apple, naviga nei soldi, ma ha perso la bussola.

L’altra sera ho guardato come di consuetudine il Keynote di Apple, forse nella speranza di vedere il mio scetticismo nei confronti nella “Nuova Apple” smentito da Tim e i suoi colleghi.

Alla fine dei conti ho visto le stesso Keynote dell’ anno scorso, di due anni fa e di 3 anni fa (potrei continuare fino all’ ultimo Kyenote di Jobs).

Il più veloce iPhone di sempre, il miglior iPhone che abbiamo mai fatto, 2 volte più veloce del precedente,  a parte le foto del telefono anche le slide sono sempre le stesse, e anche l’entusiasmo di Cook (o la mancanza di esso) è sempre lo stesso.

Morale della favola ci si ritrova con 7 iPhone (7 – 7+ – 8 – 8+ – XR – XS – XS-MAX ) con una lineup che farebbe rabbrividire Jobs, qello del “less is more”, quello che professava il Good – Better – Best (Buono, Meglio e Migliore), 3 modelli per accontentare tutti 3 prezzi poca scelta ma mercato ben coperto, e sopratutto meno confusione.

Oggi puoi comprare un telefono che costa più di un Macbook Pro, ma devi fare attenzione a non sbagliare, le funzioni cambiano da un modello all’ altro, uno ha due sim, uno ha lo schermo Oled, uno ha due fotocamere, insomma bisogna informarsi, alla faccia della semplicità Jobsiana.

Non solo, ma l’estremismo Apple si spinge oltre compri 1500 euro di telefono e all’interno non trovi neanche l’adattatore per il jack audio (che hanno scelto loro di togliere e forse costa pochi centesimi e per altro è un connettore proprietario), e per non finire il caricabatterie incluso non è nemmeno quickcharge.

Certo i fans Apple potrebbero dire “se hai 1500 euro per il telefono puoi spendere pochi euro per adattatore (o cuffie bluetooth) e il caricabatterie QC”.

Si il ragionamento non fa una grinza, se non fosse che per quel prezzo uno si aspetta almeno di poter usufruire di tutte le funzioni del telefono, e invece no, spendi spendi e compra altro per usare quello che “sarebbe tuo di diritto”.

Ho scelto Xiaomi come cellulare, con 300 euro (per un top di gamma in ceramica) oltre all’adattatore cuffie e il quickcharge, ti regalano anche la cover per il telefono (per altro bella non una baggianata), certo non avrà i fronzoli di iOS (che anche lui ha avuto aggiornamenti leggeri) ma fa pensare, con quel mare di Soldi che si ritrova Apple, ha veramente perso la bussola?

Tranquilli, Apple venderà un botto di telefoni, nonostante tutto i “seguaci” la difenderanno a spada tratta, forse facendo più il male dell’azienda che il bene, Apple era nata per i “Ribelli” quelli così matti da pensare di poter cambiare il mondo, una ditta che crea la moda, oggi è un’azienda che segue la moda.

Please follow and like us:

Vecchio e Nuovo

Come annunciato nell’articolo precedente, sono tornato ad utilizzare un computer con sistema operativo Windows, questo non perchè il G5 non andasse o perchè il sistema non fosse più all’altezza ma perchè alcune richieste del mio lavoro mi hanno portato su quella piattaforma, o meglio su un sistema aggiornato.

La scelta di un nuovo Mac mi entusiasmava poco, sono belli, ma i nuovi modelli hanno un sacco di problematiche (se rapportate al prezzo chiesto), la Apple non è più quella che amo (quella di Steve Jobs) e i vantaggi del S.O. attuale non secondo me non rendono più giustificata la spesa.

Ho quindi scelto un PC che mi ricordasse il design Apple, ho optato per Xiaomi (Mi Notebook Pro).

Certo, il design è palesemente copiato, e scimmiottano molte caratteristiche e funzionalità del Mac, ma non è un Mac, ci si può installare OS X (anche se con alcune periferiche non pienamente supportate) ma per il prezzo onestamente non potevo chiedere di meglio.

HW ben costruito, sistema operativo comunque funzionale (sono lontani i tempi di Windows XP – Vista) e un prezzo davvero buono, per un terzo del costo di un 15 pollici Apple ci si porta a casa un 15 pollici ben costruito e con materiali buoni.

Mancherà OS X, la garanzia non sarà la stessa, ma posso comprare 3 computer  nuovi e aver comunque speso meno di un MacBook Pro con Applecare.

Continuerò ad utilizzare il G5 dove possibile, una macchina favolosa con un OS spettacolare, e che sente poco il peso degli anni (più che altro per colpa del SW non certo dei suoi componenti).

Mac PPC, per il resto Windows.

 

Please follow and like us:

Aggiornamento sulla mia workstation : SSD sul G5 si VOLA!

Ho di recente aggiunto un ssd (OWC Mercury G3) da 120 GB per il mio Dual G5, e constatavo che a parte Internet (ormai difficile da utilizzare sui PowerPC a causa di Browser non ottimizzati) per tutto il resto questa macchina è decisamente più performante di qualunque computer ora disponibile a basso costo.

La mia macchina è configurata in questo modo

  • Processore Dual G5 a 2Ghz
  • 5.5 Gb di ram
  • Quadro FX 4500
  • SSD 120 GB
  • HDD 512 GB

Office, Adobe CS 4 la vecchia, ma non per questo obsoleta, versione di iLife e iWork  e tutte le app dell’ epoca viaggiano come delle schegge.

Certo, c’è chi storce il naso quando mi vede usare la CS4, ma alla fine posso fare tutto quello che si può fare sulle versioni vecchie, certo magari con qualche passaggio in più, ma il fatto di farlo più velocemente alla fine si ripaga da se.

I files in oltre sono comunque compatibili, e quindi non si pone il problema.

Please follow and like us:

Non solo Mac (less is more!)

Il mio percorso tecnologico, in controtendenza rispetto al mondo che mi circonda, continua in retromarcia, e coinvolge non solo il computer,  da ieri ho detto basta anche allo smartphone.

Sono tornato a un Nokia semplicissimo il 105 (Feature phone li chiamano), e la decisione non poteva essere più azzeccata, perché ormai siamo troppo  schiavi di questa tecnologia.

Sono tornato al G4 – G5 perché questa corsa alla velocità e “efficienza”  in realtà ci ha portati a correre sempre di più e ottimizzare sempre di meno, nel cellulare ad esempio, passiamo ore e ore a guardare lo  smartphone, per poi in realtà usarlo poco.

Mi spiego, la mia giornata tipo prevedeva il controllo compulsivo dello smartphone ogni volta che squillava una notifica, e spesso, ricevevo Whatsapp di immagini o barzellette…. utile vero?

Stessa cosa per le mail, al primo rumore o vibrazione tac, il cellulare fuori dalla tasca per poi scoprire che era arrivato un utilissimo spam, negli ultimi giorni poi erano più le cose inutili di quelle utili, risultato?  BASTA!

Non ho più Whatsapp, internet o Facebook sul cellulare, se vi servo mi chiamate, altrimenti un sms, se non rispondo…..lo farò più tardi, vuol dire che sto facendo qualcosa di più importante.

Non potevo tenere lo smartphone e semplicemente usarlo meno? No perchè se hai le funzioni poi ti senti “obbligato” ad usarle, arriva un Whatsapp? non puoi non rispondere, d’ altra parte chi ha mandato il messaggio vede la spunta e mi sentirei maleducato a non rispondere, stesso dicasi per facebook, se non posti è come se non esistessi…. beh a questo punto meglio non esistere che dover postare ad ogni costo (sto stirando, guarda che piatto…. e via dicendo,per non dimenticare le foto dei gattini!!!! )

Guardatevi intorno, a cena con gli amici, a spasso con il cane o anche a casa sul divano, tutti con gli occhi sul telefono, guarda questa foto, guarda questo video, non crederai mai cosa mi hanno mandato, devi scaricare questa app.. e via dicendo,  le conversazioni sono sempre più incentrate sul contenuto del nostro smarphone e sempre meno su noi stessi.

Dareste la foto dei vostri figli al primo che incontrate per strada? Parlereste dei vostri affari con il tizio che prende l’ autobus con voi?  Dareste un filmato delle vostre vacanze al proprietario dell’ edicola sotto casa? Probabilmente no, ma è quello che facciamo tutti i giorni con Facebook, e neanche ce ne rendiamo conto!

Less is more, ovvero meno è di più, continuo con la mia filosofia del tornare indietro, a quegli anni d’oro dove la tecnologia era a servizio dell’ uomo e dove l’ uomo non era un prodotto a servizio della tecnologia.

Please follow and like us:

Aggiornamenti PowerMac G5

Con le vacanze di Natale ho provveduto ad aggiornare e ripulire il G5 che utilizzo come macchina principale, ho montato un SSD della OWC e aggiornato la scheda video con una Quadro FX (gran bella bestia).

Questi aggiornamenti possono dare una boccata di ossigeno al vostro “Vintage” Mac  e accelerare la macchina per affrontare il 2018.

La Quadro che ho acquistato su Ebay era una versione PC (attenzione solo alcune possono essere flashate) e modificata tramite flash del Firmware per Mac è costata solo 8 euro, quindi potete aggiornare i vostri computer per veramente un inezia.

Please follow and like us:

Requisiti dei sistemi operativi OS X (PPC)

Ecco i requisiti di sistema delle varie versioni di OS X per i nostri PPC.

10.0 Cheetah : 

Computer supportati:

Power Macintosh G3 Beige
Power Mac G3 B&W
Power Mac G4
Power Mac G4 Cube
iMac G3
PowerBook G3
PowerBook G4
iBook
RAM: 128 MB (non ufficialmente 64 MB minimi)
Spazio su HD : 1.5 (800 MB per l’ installazione minima)

10.1 Puma :

Computer supportati:

Power Mac G3
Power Mac G4
Power Mac G4 Cube
iMac G3
iMac DV
eMac
PowerBook
iBook
RAM: 128 MB (non ufficialmente 64 MB minimi)
Spazio su HD : 1.5 GB

10.2 Jaguar :

Processori:

PowerPC G3
PowerPC G4
PowerPC G5 (richiede una build speciale)
RAM​: 128 MB
Almeno  1.5 GB di spazio su HD

 10.3 Panther :

PowerPC G3, G4, o G5 (almeno 233 MHz)
Built-in USB
Almeno 128 MB di RAM (256 MB consigliati,non ufficialmente 96 MB minimi)
Almeno  1.5 GB di spazio su HD

10.4 Tiger :

PowerPC G3, G4, o G5 a 300 MHz o più veloce
Porta Firewire FireWire
Almeno 256 megabytes (MB) di RAM (512MB consigliati,non ufficialmente 128 MB minimi)
Almeno 3 GB di spazio su HD  4 GB se si installano i developer tools e 2 gb per l’ installazione minima

10.5 Leopard :

PowerPC G3, G4, o G5 a 867MHz o superiore
Porta Firewire FireWire
Almeno 512 megabytes (MB) di RAM
Almeno 9 GB di spazio su HD

La modalità Classic per utilizzare OS 9 all’ interno di OS X è disponibile solo fino a 10.4 Tiger, e non è supportata su 10.5 Leopard.

10.5 Leopard è la prima versione di OS X a funzionare anche sui processori Intel e l’ ultima ad essere supportata sui nostri amati PowerPC.

Potete trovare i vecchi Mac OS X a questo indirizzo.

Please follow and like us:

Dove trovare il software per i Mac on processore PowerPC?

Apple ormai ha dismesso i Mac con processore PowerPC ormai da più di dieci anni (era il “lontano 2005”), e il problema per molti utenti che ancora utilizzano questi computer, o come nel mio caso che reiniziano ad utilizzarli, è dove trovare i vecchi softwares.

Esistono alcuni siti, che mantengono un archivio di questi programmi (sia per OS 9 che per OS X), e cercheremo di aggiungerli a questa lista per facilitarvi nella vostra ricerca.

Ricordiamo che mentre alcuni software ricadono nella categoria Abbandonware e quindi sono “legalmente” utilizzabili, altri sono ancora sotto licenza, è opportuno quindi utilizzare solo i programmi dei quali si posseggono le licenze, ma per qualche motivo abbiamo perso il CD / DVD di installazione.

Please follow and like us: