Apple, naviga nei soldi, ma ha perso la bussola.

L’altra sera ho guardato come di consuetudine il Keynote di Apple, forse nella speranza di vedere il mio scetticismo nei confronti nella “Nuova Apple” smentito da Tim e i suoi colleghi.

Alla fine dei conti ho visto le stesso Keynote dell’ anno scorso, di due anni fa e di 3 anni fa (potrei continuare fino all’ ultimo Kyenote di Jobs).

Il più veloce iPhone di sempre, il miglior iPhone che abbiamo mai fatto, 2 volte più veloce del precedente,  a parte le foto del telefono anche le slide sono sempre le stesse, e anche l’entusiasmo di Cook (o la mancanza di esso) è sempre lo stesso.

Morale della favola ci si ritrova con 7 iPhone (7 – 7+ – 8 – 8+ – XR – XS – XS-MAX ) con una lineup che farebbe rabbrividire Jobs, qello del “less is more”, quello che professava il Good – Better – Best (Buono, Meglio e Migliore), 3 modelli per accontentare tutti 3 prezzi poca scelta ma mercato ben coperto, e sopratutto meno confusione.

Oggi puoi comprare un telefono che costa più di un Macbook Pro, ma devi fare attenzione a non sbagliare, le funzioni cambiano da un modello all’ altro, uno ha due sim, uno ha lo schermo Oled, uno ha due fotocamere, insomma bisogna informarsi, alla faccia della semplicità Jobsiana.

Non solo, ma l’estremismo Apple si spinge oltre compri 1500 euro di telefono e all’interno non trovi neanche l’adattatore per il jack audio (che hanno scelto loro di togliere e forse costa pochi centesimi e per altro è un connettore proprietario), e per non finire il caricabatterie incluso non è nemmeno quickcharge.

Certo i fans Apple potrebbero dire “se hai 1500 euro per il telefono puoi spendere pochi euro per adattatore (o cuffie bluetooth) e il caricabatterie QC”.

Si il ragionamento non fa una grinza, se non fosse che per quel prezzo uno si aspetta almeno di poter usufruire di tutte le funzioni del telefono, e invece no, spendi spendi e compra altro per usare quello che “sarebbe tuo di diritto”.

Ho scelto Xiaomi come cellulare, con 300 euro (per un top di gamma in ceramica) oltre all’adattatore cuffie e il quickcharge, ti regalano anche la cover per il telefono (per altro bella non una baggianata), certo non avrà i fronzoli di iOS (che anche lui ha avuto aggiornamenti leggeri) ma fa pensare, con quel mare di Soldi che si ritrova Apple, ha veramente perso la bussola?

Tranquilli, Apple venderà un botto di telefoni, nonostante tutto i “seguaci” la difenderanno a spada tratta, forse facendo più il male dell’azienda che il bene, Apple era nata per i “Ribelli” quelli così matti da pensare di poter cambiare il mondo, una ditta che crea la moda, oggi è un’azienda che segue la moda.

Please follow and like us:

2 commenti su “Apple, naviga nei soldi, ma ha perso la bussola.”

  1. Concordo con tutto quello che dici, aggiungo che buona parte della durabilità dei prodotti si è persa inesorabilmente…arrivati i 5 anni per un prodotto cade in disgrazia; se si ha la fortuna che funziona ancora, si può stare sereni che faranno di tutto perchè si guasti o diventi inutilizzabile. Per esempio, il mio iPhone 6 acquistato a fine 2014 e sempre aggiornato, da un razzo velocissimo è diventato un lento apparecchio; IOs 10.x mi andava benissimo fino a quando Mappe mi ha fatto sbagliare strada due volte, scoprendo che con l’aggiornamento a 11 tutto torna operativo….e io che pensavo fosse un malfunzionamento del GPS. Si Apple si è “bevuta il cervello”, ormai è palese che mancando la guida burbera di Jobs manchi quel tocco di magia reale che avevano i suoi prodotti. Quando il mio telefono non ne potrà più passerò alla concorrenza e riserverò un budget non superiore ai 200/300€…di più sono buttati via…..

    1. Purtroppo i prodotti Apple ma tutta la tecnologia in generale e non solo, durano di meno, nonostante a livello di velocità del processore, oggi potremmo tranquillamente usare le CPU di 5 anni fa senza quasi neanche accorgercene (per uso consumer intendo) sono i software che rendono obsoleti i nostri device.
      Apple ha ancora un vantaggio su iOS, sopratutto sui tablet, e il vantaggio deriva dai developer, é innegabile che le app per iPad sono anni luce avanti a quelle per i tablet Android, ma è un vantaggio che rischiano di perdere, perchè uno sviluppatore scontento potrebbe spostarsi e creare per un’altra piattaforma.

      Detto questo mi dispiace vedere Apple fare così bene economicamente ma perdere il contatto con la realtà, i vecchi Mac sono un testamento di quel che dovrebbe essere ancora oggi la compagnia.

      Xiaomi, Huawei e tanti altri “cinesotti” stanno lavorando Molto bene, a prezzi competitivi, e ricordano molto quel modo di fare da outsider che aveva Apple, snobbata dai più all’inizio e li diventata un must.

      Concordo sul budget per un cellulare, alla fine se non si gioca (ma a quel punto mi compro una switch) per fare foto ad uso personale, ascoltare musica, fare telefonate e sare whatsapp (nel caso un po’ di mappe) non ha senso spendere 1500 euro,sopratutto se si considera che entro i 3 anni si cambia (spesso prima).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.