Non solo Mac (less is more!)

Il mio percorso tecnologico, in controtendenza rispetto al mondo che mi circonda, continua in retromarcia, e coinvolge non solo il computer,  da ieri ho detto basta anche allo smartphone.

Sono tornato a un Nokia semplicissimo il 105 (Feature phone li chiamano), e la decisione non poteva essere più azzeccata, perché ormai siamo troppo  schiavi di questa tecnologia.

Sono tornato al G4 – G5 perché questa corsa alla velocità e “efficienza”  in realtà ci ha portati a correre sempre di più e ottimizzare sempre di meno, nel cellulare ad esempio, passiamo ore e ore a guardare lo  smartphone, per poi in realtà usarlo poco.

Mi spiego, la mia giornata tipo prevedeva il controllo compulsivo dello smartphone ogni volta che squillava una notifica, e spesso, ricevevo Whatsapp di immagini o barzellette…. utile vero?

Stessa cosa per le mail, al primo rumore o vibrazione tac, il cellulare fuori dalla tasca per poi scoprire che era arrivato un utilissimo spam, negli ultimi giorni poi erano più le cose inutili di quelle utili, risultato?  BASTA!

Non ho più Whatsapp, internet o Facebook sul cellulare, se vi servo mi chiamate, altrimenti un sms, se non rispondo…..lo farò più tardi, vuol dire che sto facendo qualcosa di più importante.

Non potevo tenere lo smartphone e semplicemente usarlo meno? No perchè se hai le funzioni poi ti senti “obbligato” ad usarle, arriva un Whatsapp? non puoi non rispondere, d’ altra parte chi ha mandato il messaggio vede la spunta e mi sentirei maleducato a non rispondere, stesso dicasi per facebook, se non posti è come se non esistessi…. beh a questo punto meglio non esistere che dover postare ad ogni costo (sto stirando, guarda che piatto…. e via dicendo,per non dimenticare le foto dei gattini!!!! )

Guardatevi intorno, a cena con gli amici, a spasso con il cane o anche a casa sul divano, tutti con gli occhi sul telefono, guarda questa foto, guarda questo video, non crederai mai cosa mi hanno mandato, devi scaricare questa app.. e via dicendo,  le conversazioni sono sempre più incentrate sul contenuto del nostro smarphone e sempre meno su noi stessi.

Dareste la foto dei vostri figli al primo che incontrate per strada? Parlereste dei vostri affari con il tizio che prende l’ autobus con voi?  Dareste un filmato delle vostre vacanze al proprietario dell’ edicola sotto casa? Probabilmente no, ma è quello che facciamo tutti i giorni con Facebook, e neanche ce ne rendiamo conto!

Less is more, ovvero meno è di più, continuo con la mia filosofia del tornare indietro, a quegli anni d’oro dove la tecnologia era a servizio dell’ uomo e dove l’ uomo non era un prodotto a servizio della tecnologia.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.